Antiquarium

Ogni giorno l’acqua del lago di Pievefavera lambisce la riva, scava, corrode gli strati di enorme interesse archeologico delle spiaggette naturali, dove tra ciottoli, i pescatori sostano sopra frammenti fittili: embrici, vasellame vario, pezzi di patene a vernice nera o rossa, frammenti di vasi falischi e ossa umane carbonizzate. Su tutto e tutti è passata la storia. Una storia che oggi è visibile all’interno del torrione esagonale adiacente alla chiesa di Pievefavera.

Da ricordare due capitelli: uno barbarico, protoromanico, sfaccetato in rigida geometria; ha gli spigoli smussati con decorazioni a lancia. L'altro, di pietra chiara a tronco di piramide, ha le quattro facce scolpite a bassorilievo. Possiamo catalogarlo come pulvino o capitello a staffadi chiara impostazione bizantina. Da menzionare anche una tomba romana chiusa a capanna da embrici, copertura composta da sei a otto grandi terrecotte, secondo la lunghezza della salma, comunemente chiamate tombe a cassa.

Informazioni

Nome della tabella
Indirizzo Pievefavera
Proprietà Comunale
Telefono +39 0 733 905 529
Chiusura Aperto su prenotazione
Numeri 20 circa
Note Torre

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questa è la sezione del sito istituzionale del Comune di Caldarola dedicata al turismo. Per le informazioni che riguardano l'Ente, vai alla home
Questo sito è realizzato da TASK secondo i principali canoni dell'accessibilità | Credits | Privacy | Note legali